13 febbraio 2016

Miscellanea: Siamo tutti vestiti di vento

 
 
 

 
  
“ Piace sottomettersi anche alla nostalgia che è una tristezza dolce, non graffia, ci accarezza. Piace ascoltare il richiamo di cose semplici, sentirne l'energia, abbandonando torsioni mentali o equilibrismi pericolosi. Basta il cielo, il vento, tutta la natura che parla ci alimenta. (bitw) “

 
Quando  respiriamo con leggerezza la tranquilla cadenza delle nostre giornate così che il di rincorre amorevolmente la sera avvolgendola nella pace e nell' appagamento, quando nel nostro intimo ci sentiamo sereni e distanti dall' irrequietezza e dall' instabilità, rimane sempre frequente la visitazione di una visione fugace e indefinita. Questo fantasma cambia spesso, è mutante, imprevedibile, si fa strada nei pensieri indugiando nei piccoli spiragli aperti della mente. Cosa lo fa materializzare dal nulla? Quale molla disinnesca la sua sgradita comparsa? Io ti conosco bene, tu che ostenti in mille sfaccettature una sensazione subdola e virtuale che si chiama paura. Cosa ti fa materializzare dal nulla è difficile dirlo, perché riaffiori inquietante e ingombrante quando meno me l' aspetto. E vorrei ricacciarti, soffocarti perché non puoi inquinare la mia anima, no, non voglio!  Mi fermo, freno l’ entusiasmo per riflettere e penso che sia solo un surrogato, una fuoriuscita delle mie debolezze, un fake che distrae, un intruso, un hacker che tenta di invadere il mio spazio. Provo a dargli un' identità, una motivazione, un nome, ma non serve, capisco che è solo la proiezione di sensazioni astratte che si vestono maliziosamente di ruoli e panorami possibili perché siamo perseguitati dalla percezione del futuro, una dimensione che non ci giova, che altera questa pace costruita con sapienza e fatica che ci siamo cuciti addosso con la maturità e talvolta dopo il superamento del dolore. In fondo, cos' è la paura se non il desiderio di non smarrire un meritato benessere conquistato e costruito nel tempo? Le ferite guarite ora sono meste cicatrici, sono la rivincita e mi hanno insegnato a riassaporare un' altra pace, semplice, pulita, diversa. Questo prezioso traguardo va tutelato vivendolo giorno dopo giorno con occhi diversi e più trasparenti. E solo respirando a pieni polmoni il mio presente che riesco a far tracimare la paura nella melma da dove nasce, perché voglio sentire solo la luce e l' aria che mi sfiorano e quella luce violenta che abbiamo dentro deve condurre gli eventi nella direzione che noi vogliamo. Siamo tutti vestiti di vento, attaccati a un filo di cui non conosciamo la fine, ma è nel sole che dobbiamo rimanere saldamente ancorati anche sventolando i nostri stracci misti a sorrisi.
– blowing_inthe_wind:13/02/2016(diritti riservati) -